Che cos’è la tiroidectomia?

Che cos’è la tiroidectomia?


22/05/2019

Condividi:

La tiroidectomia è un intervento chirurgico che consiste nell’asportazione totale o parziale della tiroide. Si tratta di un intervento abbastanza semplice e sicuro, ma che deve essere eseguito da un esperto specialista in chirurgia endocrina.

Si possono distinguere 3 tipi di tiroidectomia:

  • Tiroidectomia totale, nella quale si asporta l’intera ghiandola tiroidea;
  • Tiroidectomia sub totale, che comporta l’asportazione di quasi tutta la tiroide, tranne una piccola porzione (di solito si lascia una striscia di tessuto tra i 2 e i 7 grammi);
  • Emitiroidectomia (anche detta lobectomia o istmolobectomia), nella quale la tiroide viene rimossa solo per metà. 

Il tipo di intervento chirurgico da mettere in atto viene deciso dal medico, in funzione di tipologia e gravità della patologia che affligge il paziente.

Quando viene eseguita la tiroidectomia?
La tiroidectomia si può rendere necessaria in diverse circostanze, le più comuni sono:  
 
- tumore della tiroide
- ipertiroidismo
- Morbo di Basedow-Graves, una patologia autoimmune che provoca ipertiroidismo
- noduli tiroidei di grandi dimensioni
- gozzo, cioè l’ingrossamento della tiroide  

Come viene eseguita la tiroidectomia?
Prima dell’intervento è importante eseguire alcuni esami preliminari:

Ecografia alla tiroide;

-  agoaspirato dei noduli tiroidei, qualora si abbiano dei noduli particolarmente grandi o di natura sospetta;

- valutazione della funzionalità delle corde vocali;

- TAC del collo, questo esame non è sempre necessario, ma può essere utile nei casi di gozzo di grandi dimensioni, per verificare la sua eventuale estensione al di sotto dello sterno. 

L’intervento viene eseguito in anestesia totale con intubazione endotracheale. La tecnica chirurgica più diffusa prevede un’incisione orizzontale praticata sul collo, a 3-4 cm al di sopra dello sterno. Prima di rimuovere la tiroide, il chirurgo deve identificare la posizione di due importanti elementi: i nervi laringei ricorrenti (responsabili della fonazione, ossia dell’emissione di suoni grazie all’azione delle corde vocali), e le paratiroidi (piccole ghiandole situate a contatto con la superficie posteriore della tiroide). Localizzare questi elementi con precisione consente al chirurgo di procedere con la tiroidectomia senza il rischio di danneggiarli involontariamente. L’intervento si conclude con l’asportazione della tiroide (parziale o totale, a seconda del caso), e la sutura della ferita.

In caso di tumore della tiroide, può essere necessario asportare anche i linfonodi adiacenti. In alcuni casi la tiroidectomia si può eseguire per via endoscopica, o accedendo direttamente dal cavo orale. La durata dell’intervento può variare dai 45 minuti alle 3 ore, ed il periodo di ricovero dura in genere 48 ore. Il dolore provocato dalla ferita è piuttosto lieve, e se la ferita viene trattata adeguatamente durante il periodo di guarigione, la cicatrice che ne consegue è pressoché invisibile.



Fonti:  

Wheeler MH. The technique of thyroidectomy. J R Soc Med. 1998;91 Suppl 33(Suppl 33):12-6. PubMed PMID: 9816346; PubMed Central PMCID: PMC1296292.

- University of California San Francisco, UCSF Department of Surgery
 - https://endocrinesurgery.ucsf.edu/conditions--procedures/thyroidectomy.aspx - Last accessed: 08/05/2019

-  Medscape - https://emedicine.medscape.com/article/1891109-overview - Last accessed: 08/05/2019
American Thyroid Association (ATA) - https://www.thyroid.org/patient-thyroid-information/what-are-thyroid-problems/q-and-a-thyroidectomy/ - Last accessed: 08/05/2019
-  Endocrinologiaoggi - https://www.endocrinologiaoggi.it/2011/06/agoaspirato-tiroideo/ - Last accessed: 08/05/2019    


paziente, maschio, femmina, ipertiroideo, in gravidanza, non in gravidanza, 35-44, 45-54, 55-64, 65+