Il trattamento delle malattie tiroidee


25/10/2018

Condividi:

Il trattamento dei disturbi della tiroide varia in base alla tipologia insorta e ad alcuni fattori come l’età, lo stile di vita e, in generale, le condizioni cliniche e fisiologiche del paziente.  

a

a

Trattare l’ipertiroidismo

L’ipertiroidismo si può curare con farmaci anti-tiroidei, con iodio radioattivo e con l’intervento chirurgico. I farmaci hanno possibilità di cura definitiva solo nel morbo di Basedow. Recentemente si è visto che l’utilizzo del selenio può ridurre il titolo di anticorpi nel morbo di Basedow. Nelle forme di ipertiroidismo dovute a uno o più noduli iperfunzionanti la cura definitiva sarà con iodio radioattivo o laser terapia oppure chirurgica in caso di grandi gozzi. L’ipertiroidismo in corso di tiroidite necessita solo di cura sintomatica più, eventualmente, un breve ciclo di cortisone.  

a

a

Trattare l’ipotiroidismo

L’ipotiroidismo si cura con la somministrazione di levotiroxina (L-tiroxina), solitamente al dosaggio compreso fra 1,5 e 1,8 microgrammi per chilo al giorno da assumere in singola dose a digiuno (classicamente almeno 30 minuti prima della colazione), ma farà fede, per capire se la dose è giusta, il valore del TSH, che deve essere riportato alla norma.  

a

a

Le preparazioni di tiroxina

Le preparazioni di tiroxina contengono tutte il principio attivo L-tiroxina sodica (T4), anche se non sono tutte uguali: vi sono preparazioni in compresse, liquide e in capsule molli. Quelle in compresse differiscono anche per la presenza o meno di lattosio, e l’esperienza clinica mostra che i prodotti non sono intercambiabili. Pertanto si dovrebbe evitare di passare da un medicinale all’altro semplicemente in base a ciò che è disponibile in farmacia, soprattutto in condizioni particolari quali gravidanza, età pediatrica, età avanzata o cardiopatia. Le ultime preparazioni introdotte sono le capsule molli, il cui assorbimento, grazie al profilo di dissoluzione costante e indipendente dal pH gastrico, dovrebbe essere meno influenzato dalla colazione e da alcuni farmaci noti per alterarlo; inoltre sono disponibili in formulazioni a dosaggi intermedi. Lo specialista, anche in base alle singole esigenze, è in grado decidere la terapia più opportuna, ma in ogni caso il paziente non deve modificare la terapia passando a un farmaco generico; qualora ciò fosse indispensabile per un qualche motivo di approvvigionamento o economico dopo 30-40 giorni è necessario dosare il TSH o l’FT4.  

a

a

Il ruolo della terapia combinata T4 + T3

Prima di tutto è necessario chiarire che mentre l’ormone T4 deriva esclusivamente dalla produzione tiroidea, l’ormone T3 circolante deriva solo per il 20% direttamente dalla tiroide mentre per l’80% deriva da una modifica del T4 che avviene in una zona diversa dalla tiroide. Il presupposto fisiologico della terapia combinata è che somministrando preparazioni contenenti solo T4 la funzione tiroidea non viene riprodotta in modo perfetto, poiché la quantità di T3 prodotta dalla tiroide è ridotta. In realtà vi sono potenziali problematiche legate alle differenze con cui i due ormoni si trasformano nell'organismo, e inoltre vi è ormai ampia letteratura sul fatto che la terapia con T4 debba considerarsi il trattamento standard per l’ipotiroidismo. Tuttavia il recente riscontro che alcuni individui, per motivi genetici, possono non convertire adeguatamente la T4 in T3 ha rinnovato l’interesse nei confronti della terapia combinata. Dal punto di vista pratico tale terapia può essere presa in considerazione in quei pazienti che presentano sintomi di ipotiroidismo e/o non perfetto benessere nonostante una terapia con L-T4 ben condotta, e il rapporto T4/T3 dovrebbe essere fra 13/1 e 20/1.          

a

a


Bibliografia

a

Linee guida per la gestione della patologia tiroidea – anno 2010 Az USL Imola http://www.associazionemediciendocrinologi.it/materiali/linee_guida/download_file_190403886.pdf       


paziente, maschio, femmina, ipotiroideo, ipertiroideo, in gravidanza, non in gravidanza, <18, 18-24, 25-34, 35-44, 45-54, 55-64, 65+