Come la tiroide influenza la salute della donna

Come la tiroide influenza la salute della donna


12/04/2018

Condividi:

In generale, la tiroide ha un impatto molto importante sulla salute della donna, in tutte le fasi della sua vita. Nelle donne adulte sia l'ipotiroidismo sia l'ipertiroidismo sono considerati causa di disturbi a carico del ciclo mestruale e, di conseguenza, possono portare a una diminuzione della fertilità. Infatti, attività ovarica e tiroidea sono strettamente connesse. Basta pensare che i recettori degli ormoni tiroidei si trovano sugli ovuli umani, le cellule che vengono liberate dall'ovaio per la fecondazione. Inoltre, una precondizione necessaria per lo sviluppo follicolare normale e quindi per l'ovulazione è la secrezione dell'ormone di rilascio delle gonadotropine o GnRH che ha il compito di indurre la produzione, a sua volta, di due ormoni fondamentali per l'instaurarsi di normali cicli ovulatori.


Donne ipotiroidee
Già nel periodo prepuberale uno stato di ipotiroidismo può portare alla pubertà ritardata e quindi a un ritardo nella maturità sessuale.
L'ipotiroidismo può essere accompagnato dall'aumento dell'ormone di rilascio della tireotropina o TRH che ha il ruolo di stimolare la secrezione di altri due ormoni, la prolattina e l'ormone della crescita (GH), da parte dell'ipofisi anteriore. Questo aumento di TRH può causare una serie di alterazioni al nostro organismo, come interruzione della secrezione dell'ormone luteinizzante (LH), interruzione del metabolismo periferico degli estrogeni e aumento della produzione di androgeni ovarici, tutti processi fisiologici responsabili di diversi disturbi e segni clinici tra cui:

  • sanguinamento mestruale pesante e irregolare;
  • spotting (perdita di sangue uterino di colore scuro) durante il ciclo mestruale;
  • insufficienza dello spessore endometriale;
  • disturbi dell'ovulazione;
  • disturbi della fase proliferativa dell'endometrio.

aaaaa

Donne ipertiroidee
Uno squilibrio degli ormoni sessuali è stato descritto anche nei casi di donne affette da ipertiroidismo. In queste donne è stato notato un aumento anomalo della produzione di particolari molecole chiamate "globuline leganti gli ormoni sessuali" (in inglese, "sex hormone-binding globulin" o SHBG) in grado di legare gli ormoni sessuali come il testosterone e l'estradiolo. Inoltre, l'ipertiroidismo può portare all'interruzione del metabolismo degli estrogeni o a un aumento della conversione degli estrogeni in androgeni, tutti fattori che contribuiscono all'insorgenza di cicli mestruali irregolari.


Autoimmunità tiroidea: un caso particolare
La presenza di autoimmunità tiroidea sembrerebbe ostacolare l'impianto dell'ovulo fecondato. Sulle cause di questo problema ci sono però solo dati preliminari; sembrerebbe che l'autoimmunità tiroidea possa essere collegata ad altri tipi di autoimmunità del soggetto affetto che sarebbero in grado di interferire con l'impianto dell'ovulo fecondato. Un'altra ipotesi fatta dagli scienziati è che gli anticorpi anti-tiroide possano "attaccare" la tiroide e, dunque, portare a una diminuzione della sua funzionalità all'inizio della gravidanza e, per questo, ostacolare l'impianto.


Bibliografia

  • Medenica S, Nedeljkovic O, Radojevic N, Stojkovic M, Trbojevic B, Pajovic B. Thyroid dysfunction and thyroid autoimmunity in euthyroid women in achieving fertility. Eur Rev Med Pharmacol Sci. 2015;19(6):977-87.

 

 


paziente, femmina, ipotiroideo, ipertiroideo, non in gravidanza, <18, 18-24, 25-34, 35-44