Come gestire i noduli tiroidei nei bambini

Come gestire i noduli tiroidei nei bambini


25/10/2018

Condividi:

I noduli tiroidei sono lesioni specifiche che si differenziano dalla tiroide circostante. L'ecografia è essenziale per la valutazione iniziale e il follow-up a lungo termine di tutti i noduli e deve essere eseguita su qualsiasi ghiandola che venga percepita come sospettosa o per i pazienti ad alto rischio. In generale, i fattori di rischio per i noduli tiroidei nei bambini comprendono: una storia familiare di noduli tiroidei o cancro della tiroide, carenza di iodio, esposizione alle radiazioni, storia personale di malattia della tiroide, elevata tireotropina sierica (TSH) e diverse sindromi genetiche.

La difficoltà maggiore nella diagnosi differenziale si riscontra nel determinare con precisione il rischio di carcinoma tiroideo differenziato (CTD). Negli adulti il 7-15% di tutti i noduli tiroidei è maligno, ma il rischio nei bambini è più alto (22-26%).

I noduli tiroidei ad alto rischio sono solitamente valutati mediante ultrasuoni, che potrebbero anche rilevare primissime forme di carcinoma tiroideo differenziato che richiederebbero un intervento chirurgico meno esteso, e chiaramente l’ago aspirato per confermare o meno il rischio di carcinoma tiroideo differenziato e consentire una pianificazione chirurgica preoperatoria appropriata e completa. Il ruolo del genitore o in general del caregiver è fondamentale per consentire l’accesso del bambino a diagnosi e cure tempestive ed efficaci.   I noduli tiroidei nei bambini possono essere a basso, indeterminato ed alto rischio. I noduli tiroidei a basso rischio possono essere controllati semplicemente con ultrasuoni seriali e rimossi solo se crescono o sviluppano caratteristiche ecografiche sospette. Per i noduli tiroidei con rischio indeterminato, è necessario valutare tutte le caratteristiche (storia familiare e personale, caratteristiche degli ultrasuoni, citologia e test molecolari) per sviluppare una strategia di gestione appropriata e personalizzata.

Come si dovrebbero gestire i piccoli noduli tiroidei (<10mm) nei bambini e negli adolescenti?

La maggior parte dei piccoli noduli scoperti casualmente non necessita di ago aspirato. Negli adulti, questi noduli tiroidei detti “subcentimetrici” sono a basso rischio e cambiano raramente, ma il rischio di carcinoma tiroideo aumenta nei pazienti con meno di 40 anni e, in particolare, le metastasi linfonodali sono più comuni nei pazienti di età inferiore a 19 anni. Per questo motivo, il follow-up continuo dei noduli tiroidei subcentimetrici nei bambini è assolutamente giustificato.  Il caregiver, dunque, al fine di migliorare l'assistenza del bambino e ridurre il rischio potenziale di complicazioni dovrebbe fare riferimento ad un endocrinologo pediatrico con esperienza nella valutazione e nella gestione di pazienti pediatrici con noduli tiroidei e cancro alla tiroide.     



Bibliografia
Bauer AJ et al. Evaluation and management of thyroid nodules in children. Curr Opin Pediatr. 2016;28(4):536-44.       


paziente, caregiver, maschio, femmina, ipotiroideo, ipertiroideo, non in gravidanza, <18, 18-24