Ripercussioni del fumo sulla salute della tiroide: comprendere e far comprendere i rischi

Ripercussioni del fumo sulla salute della tiroide: comprendere e far comprendere i rischi


27/07/2018

Condividi:

Non esiste un singolo organo del corpo per cui il fumo di sigaretta non sia dannoso. Mentre ci concentriamo spesso sugli effetti del fumo sui polmoni, sul cuore e sulla pelle, in realtà anche la ghiandola tiroidea può essere danneggiata dal fumo.

Aiutare un paziente che soffre di una malattia tiroidea a smettere di fumare può essere molto complicato, poiché di solito il fumo è un’abitudine ben radicata negli anni. Come primo passo è fondamentale spiegare al soggetto quali sono le conseguenze del fumo sulla funzione tiroidea. In questo caso, il caregiver (il medico o un familiare) gioca un ruolo cruciale nell’aiutare il paziente a decidere di smettere di fumare. Smettere di fumare può provocare una serie di spiacevoli problemi, come un aumento dell’irritabilità, dell'ansia, della depressione, dei mal di testa, dell'appetito, ecc… per cui la famiglia e gli amici rappresentano un sostegno incomparabile.  


Perché il fumo provoca danni alla tiroide?

Il fumo di tabacco contiene il cianuro che, una volta fumato, viene convertito in tiocianato, un agente che inibisce l'assorbimento di iodio nella tiroide, riducendo la produzione degli ormoni necessari per il nostro corpo.   


Ma quali sono i danni del fumo che il caregiver deve spiegare al paziente fumatore?

  1. Il fumo aumenta il rischio di disturbi della malattia di Graves, una patologia che stimola la tiroide a secernere ormoni in eccesso.
  2. Il fumo peggiora i sintomi correlati all'ipotiroidismo e alla malattia di Hashimoto, una malattia della tiroide di natura infiammatoria.
  3. Il fumo induce cambiamenti nei test di funzionalità tiroidea, come la diminuzione del TSH e l'aumento degli ormoni tiroidei e dell'incidenza di gozzo multinodulare.
  4. Il fumo, sia attivo che passivo, durante la gravidanza può modificare la funzione tiroidea materna e fetale.
  5. Il fumo ha un grave impatto nelle persone affette dalla malattia di Graves che manifestano oftalmopatia tiroidea, una condizione che provoca problemi agli occhi. Infatti, il fumo può provocare un rapido deterioramento degli occhi, lo sviluppo della doppia visione, la costrizione del movimento oculare e il danno irreversibile del nervo ottico.
  6. Il fumo incide sul trattamento dell'oftalmopatia di Graves che è stato considerato quattro volte meno efficace nei fumatori rispetto ai non fumatori.
  7. Il fumo può aumentare il rischio di metastasi originate da cancro alla tiroide con conseguente rischio di morte.  


Come può il caregiver aiutare concretamente un paziente a smettere di fumare?

Alla luce di queste evidenze, è importante che il caregiver aiuti il paziente a capire che tutte le terapie volte alla cura delle patologie tiroidee sono parzialmente vanificate dal fumo stesso, che provocherà in ogni caso un peggioramento della patologia.  


Per aiutare un paziente che decide di smettere di fumare bisogna seguire tre regole fondamentali:

  • non fumare intorno al paziente e non offrire sigarette in nessun momento;
  • incoraggiare il paziente a concentrarsi su altre attività (per esempio sport), piuttosto che sul fumo;
  • chiedere aiuto al medico per discutere di eventuali metodi per smettere di fumare.


Bibliografia

  • Sawicka-Gutaj N, Gutaj P, Sowiński J, et al. Influence of cigarette smoking on thyroid gland, an update. Endokrynol Pol. 2014;65(1):54-62.  


paziente, caregiver, maschio, femmina, ipotiroideo, ipertiroideo, in gravidanza, non in gravidanza, <18, 18-24, 25-34, 35-44, 45-54, 55-64, 65+